gazzetta sport senette yoga

ecco qui l’articolo

Era il 22 aprile del 1970 quando migliaia di giovani scesero in strada con le maschere anti gas per chiedere ai potenti di occuparsi dell’ambiente. Sono passati 50 anni e da allora, l’Earth Day, istituito dalle Nazioni Unite celebra ogni anno la salvaguardia del pianeta Terra. Ma nessuno avrebbe mai immaginato che nel 2020 ci saremmo trovati in piena pandemia e a doverci proteggere con altri tipi di maschere da un virus invisibile chiamato Coronavirus. Fortunatamente c’è un tipo di contagio che avvicina le persone anche se fisicamente distanti ed è la condivisione di valori, di passioni. Tra i tanti eventi digitali in programma in tutto il mondo. a fare da trait d’union nella Giornata della Terra 2020 c’è anche lo yoga, millenaria disciplina che in occasione dell’Earth Day 2020 invita a riflettere proprio sulla corretta armonia tra uomo e natura. “Yoga significa proprio unire, unione: tra mente e corpo, anima e spirito”, dice Francesca Senette, giornalista che oggi studia e insegna hatha yoga, pranayama e yoga nidra. Volto del Tg4 per anni, è anche l’autrice di “Il piccolo libro dello Yoga” (edizioni Sonda) utile per chi ha bisogno di capirne di più e sfatare alcuni miti sullo yoga. Un mini-dizionario, in cui Francesca Senette guida grandi e piccoli alla scoperta di questa disciplina attraverso dieci parole chiave.

“Ma la parola che dedico a questa Giornata della Terra 2020 è sicuramente Rispetto. Per la Terra che se avessimo rispettato di più e imparassimo a rispettare di più vivremmo tutti meglio. Le altre parole di oggi per me sono Evoluzione che è un po’ la sintesi di tutti questi anni che mi hanno portato a diventare chi sono oggi. Una persona più equilibrata che ha sostituito il personaggio con la persona. Sebbene mi piaccia ancora la telecamera e comunicare, non ho bisogno di apparire per avere un ruolo”.

Mamma di Alice e Tommaso e felice con il suo compagno e padre dei suoi figli, oggi Francesca Senette continua ad avere un suo pubblico grazie ad un programma televisivo dove insegna yoga ai bambini e, attraverso i social, in particolare Instagram dove oggi, 22 aprile, e per 4 volte alla settimana (lunedì, mercoledì e venerdi alle 18, domenica alle 11 con la family) fa lezioni gratuite di yoga in diretta.

“La terza parola che ho scelto per oggi è proprio condivisione. Credo che in questo momento sia importante dare. Anche se è stancante restare up anche nei momenti un po’ grigi ma mi sta dando tanta gratificazione. Lo yoga è volano di positività anche per chi non si era mai avvicinato a questa disciplina”. Lo dico perché anche io sono difatti “inciampata” nello yoga e ritenevo all’inizio che fosse qualcosa di inadatto alla mia persona ma poi c’è stato questo innamoramento subitaneo ma imprevisto. Chi vede lo yoga come esercizio su un tappetino però è in errore perché non è questo. E’ inutile essere performanti come degli atleti, mettersi le gambe sopra la testa e chiudere la tartaruga se poi nella vita non sei, per esempio, onesto o attento alla verità e alla non violenza. Prima del tappetino ci sono principi etici. Il tappetino è prodromico per avere un corpo flessibile da lasciare fermo a lungo e fare esercizi di meditazione. Quindi il contrario di ciò che pensiamo noi occidentali. Ma va bene cosi. Io stessa sono arrivata attraverso la parte fisica mentre il resto arriva dopo e se non arriva va bene lo stesso. Lo consiglio a tutte le donne. Il tempo che dedichiamo a noi stesse senza rumori, solo con il nostro respiro è una sorta di terapia e analisi. In quell’ora di silenzio quello che non va nella tua vita viene fuori. Qualsiasi donna che abbia bisogno di trovare un centro, un equilibrio, lo trova su un tappetino se lo fa con una disposizione d’animo differente”.